La Malaysia prima del voto

RISE vol. 3 n. 1 (Marzo 2018)

Entro l’estate, in Malaysia si svolgeranno le elezioni politiche. Qual è la situazione nel Paese? Quali sono i punti di forza e di fragilità su cui i cittadini malaysiani saranno chiamati a pronunciarsi? In questo nuovo numero monografico, RISE dedica un’approfondita analisi alle sfide future che attendono la Malaysia.

Sfide politiche interne, innanzitutto. In un Paese musulmano tradizionalmente tollerante, forte è la preoccupazione che individui radicalizzati si infiltrino per compiere attentati terroristici, magari approfittando dell’ultima crisi dei rifugiati. Il premier uscente, Najib Razak, a capo dell’UMNO (il partito dominante) affronta un ex Primo Ministro, Mahathir Mohamad, in un contesto di crescente limitazione dei diritti dell’opposizione. Chiunque vinca, dovrà decidere se riformare o meno il regime preferenziale Bumiputera, che, pur assicurando privilegi alla maggioranza di etnia malese e indigena, presenta molti aspetti inefficienti e discutibili.

Le sfide sono anche economiche. Gli indici ufficiali registrano una diminuzione della disuguaglianza, ma uno sguardo più attento mostra quanto la distinzione tra patrimoni e redditi riveli un dato che indica la direzione apposta. Peraltro, l’economia della Malaysia è uno degli esempi più evidenti di superamento del sottosviluppo di epoca coloniale, come illustrato nella rubrica “Focus Economia”. Inoltre, la vicinanza alla Cina – combinata con una buona rete infrastrutturale – rende la Malaysia un mercato appetibile per i colossi cinesi, come Alibaba.

Un Paese ricco di chiaroscuri dunque, che merita la dovuta attenzione anche tra il pubblico italiano.

In questo numero di RISE debutta “Sotto i riflettori”, una rubrica dedicata di volta in volta a una questione riguardante il Sud-est asiatico che è al tempo stesso oggetto di animato dibattito a livello internazionale. Iniziamo qui con la minaccia, soprattutto statunitense, di adottare sanzioni economiche contro il governo di Hun Sen e la sua deriva autoritaria.

Conclude il numero la recensione di “Il Sorriso dei Khmer Rouge”, il primo sorprendente romanzo di Romeo Orlandi, che è anche curatore della rubrica “Italia-ASEAN”, in questo caso dedicata ai rapporti tra Roma e Kuala Lumpur.

Download

Copyright © 2021. Torino World Affairs Institute All right reserved