AGI – 19 Novembre 2016

Gang a Milano, l’esperto “si rischia il contagio” l’intervista a Fabio Armao di Stefano Barricelli

Roma – “Il fatto che a scontrarsi siano stati gruppi di ragazzi filippini è una novità ma anche un segnale preoccupante. L’esperienza degli Stati Uniti ce lo insegna: quando gang giovanili si affermano nelle grandi periferie urbane, altri gruppi a loro volta si organizzano e lo fanno per lo più per difendersi. E’ un meccanismo di ‘contagio’ da monitorare con attenzione”. Fabio Armao, docente di Scienza Politica dell’Universita’ di Torino, studioso di gang giovanili e coordinatore della mostra “Gangcity” alla Biennale di Venezia, fa il punto con l’AGI sul fenomeno dopo la rissa di venerdì sera a Milano conclusasi con due accoltellati.

“Il fenomeno esiste, è in crescita e va preso sul serio – raccomanda – sono gruppi giovanili che però hanno una dimensione subculturale ricca e sofisticata fatta di simboli, di tatuaggi, di musica: ci sono gruppi di rap ispanico, nati in modo del tutto spontaneo, che si ispirano in particolare alla Mara Salvatrucha (una delle gang sudamericane più famose, ndr) e che su youtube hanno milioni di followers”.

Milano: Alfano, in arrivo altri 150 militari. Stop profughi, la città “ha fatto la sua parte”

Le prime ‘pandillas’ “sono apparse a Genova, diversi anni fa – ricorda Armao – ed erano di origine ecuadoregna. Quelle di Milano, più recenti, sono particolarmente violente ma anche a Torino si segnalano i primi gruppi, brand come Salvatrucha fanno inevitabilmente presa dove ci sono forti comunità ispaniche e dobbiamo seguirne l’evolversi prima che sia troppo tardi. Il problema è che mancano dati, e senza dati fare ricerca è difficile: noi stiamo provando a dialogare con le istituzioni, con le procure, con le forze dell’ordine, per ‘mappare’ almeno la situazione del nord ovest. Purtroppo anche le prime ricerche prodotte a livello europeo sono ancora abbastanza sommarie”.

Le gang, assicura lo studioso, “hanno anche da noi una forma di organizzazione: niente di paragonabile ovviamente alle mafie nostrane, ma Salvatrucha e Barrio 18, ad esempio, sono brand transnazionali che seguono le rotte delle migrazioni e si insediano dove le comunità ispaniche sono più forti. Il che naturalmente non deve indurre a equazioni, frettolose quanto sbagliate, tra criminalità e immigrazione”.

“In quest’ottica – conclude Armao – trovo che l’accelerazione sul fronte sicurezza determinata dalle cronache degli ultimi giorni sia estremamente pericolosa: la risposta militare non coglie nel segno, è inutile, può avere al massimo un effetto placebo, di rassicurazione. Anche se poi, alla fine, la percezione è individuale: c’è chi si sente tranquillizzato dalla vista delle divise e chi invece trova conferme alla sensazione di vivere in un quartiere a rischio”.

 

Fabio Armao

Research Fellow

Fabio Armao is Research Fellow at T.wai and Full Professor of International Relations at the University of Turin.

  • T.wai JOURNALS

    GLOBAL POLITICS LIBRARY

    OPENING HOURS

    Library services are available to Library Members on the following days:

    Monday: 10.00 am-1.00 pm
    Tuesday: 2.00-5.00 pm
    Thursday: 2.00-5.00 pm

    EVENTS

    • 01JulMon
      12JulFri

      Engaging Conflict Summer School 2019

      La Summer School “Engaging Conflict” è progettata per fornire agli studenti, ai ricercatori e ai giovani professionisti strumenti avanzati per affrontare criticamente i conflitti...   Read More

      Campus Luigi Einaudi, Lungo Dora Siena, Turin, Metropolitan City of Turin, Italy

    • 19JulFri
      23AugFri

      ChinaMed Business Program (CMBP) 2019

      The 7th edition of CMBP is hosted by Peking University and takes place across Beijing, Chongqing and Shenzhen (China) from July 19th to August...   Read More

    FIND ALL EVENTS

©2017 Torino World Affairs Institute | via Ponza 4, 10121 Torino Italy | +39 011 195 67 788 | info@twai.it | Privacy Policy | Cookie Policy