Geopolitica.info – 7 febbraio 2021

“Nonostante non sia un buon segno per le prospettive di democratizzazione del Myanmar, la presa di potere dei militari di fatto non sovverte l’ordinamento birmano, poiché è stata svolta a norma della costituzione vigente.

Quindi, al netto di sviluppi che modifichino la traiettoria corrente presa dal Tatmadaw – che sono possibili ovviamente, e che riguardano tanto le relazioni tra le forze armate e l’esterno, quanto quelle interne alle forze armate – è possibile che la situazione ritorni a punto simile a quello di partenza: un regime ibrido, parzialmente democratico e parzialmente autoritario, con caratteristiche elettorali.”

L’intervista rilasciata da Stefano Ruzza (T.wai & Università degli Studi di Torino) sulla crisi in Myanmar, nell’articolo di Elisa Ugolini per Geopolitica.info.

Stefano Ruzza

Head of Research

Stefano Ruzza is the Head of T.wai’s Violence & Security Program and an Associate Professor of Political Science at the University of Torino.

Copyright © 2021. Torino World Affairs Institute All right reserved